Archivio degli autori PD Sesto Fiorentino

DiPD Sesto Fiorentino

Baldi (PD Sesto): “Dare a Sesto una buona amministrazione e le primarie saranno decise da assemblea PD”

“Il nostro impegno è quello di restituire a Sesto Fiorentino un Sindaco e una buona amministrazione, costruendo prima di tutto una coalizione solida e credibile in grado di governare. Le primarie sono una grande opportunità e uno dei cardini del Partito Democratico”.

Alessandro Baldi, segretario del PD di Sesto Fiorentino, interviene per fare chiarezza e individuare alcuni punti fermi sul percorso che porterà alle prossime amministrative.

“In questi mesi abbiamo ricreato il Partito Democratico, ricucito e rafforzato il rapporto con la città e i cittadini: ne è una prova il grande risultato del tesseramento – prosegue il segretario -, e ora siamo tutti impegnati a creare una coalizione credibile, che sia in grado di governare anche dopo le elezioni. Non ci interessano le “armate brancaleone” per raccattare un voto in più, c’è bisogno di serietà perché il nostro Comune possa ritrovare quella guida di cui è stato ingiustamente privato. Strategie e decisioni sul percorso da seguire saranno individuate e condivise dal PD di Sesto Fiorentino con il segretario metropolitano e regionale, come normalmente avviene, e l’assemblea sarà chiamata a esprimersi su candidati e primarie il primo marzo”.

DiPD Sesto Fiorentino

Baldi (PD Sesto): “Orti urbani, al Commissario chiediamo di prorogare di un anno quelli in scadenza”

Baldi: “Orti urbani, eccezionale esperienza da valorizzare e ampliare. Al Commissario chiediamo di prorogare di un anno quelli in scadenza”

“Gli orti urbani sono una eccezionale esperienza da valorizzare e implementare – spiega il Segretario del Pd di Sesto Fiorentino, Alessandro Baldi – ed è per questo che, in continuità con il lavoro impostato dall’amministrazione Biagiotti, chiediamo al Commissario di prorogare di un anno quelli in scadenza. Per il nostro partito – prosegue Baldi – questi possono svolgere una essenziale funzione di riqualificazione del territorio, con valorizzazione di aree verdi comunali a rischio di abbandono o di degrado, e sono in grado di trasformare l’agricoltura urbana in uno straordinario momento di socializzazione”.
Per il Pd di Sesto Fiorentino gli orti urbani rappresentano l’occasione di ricreare e radicare una nuova e positiva rete di relazioni interpersonali al tessuto territoriale.
“Su questo tema l’amministrazione Biagiotti aveva iniziato a lavorare – ricorda il Segretario del PD sestese – con l’obiettivo di affidare la conduzione degli orti a anziani, giovani e meno giovani, operando un censimento delle aree verdi non utilizzate che potevano essere destinate a tale scopo. L’obiettivo è ampliare la superficie delle aree destinate a orti urbani, attrezzandole con recinzioni, acqua e quanto altro occorre per la coltivazione della terra. In questa logica, la partecipazione al bando regionale per 100.000 orti urbani sarebbe stata auspicabile da parte del Comune di Sesto, per ottenere i contributi necessari alla realizzazione di questo progetto.”
A partire dal mese di marzo decadranno i contratti di concessione stipulati dal Comune di Sesto Fiorentino per la gestione degli orti sociali in varie zone della nostra città ed anche su questo aspetto il Pd chiede un intervento immediato.
“Oggi quello che chiediamo con forza è che siano prorogate di un anno le concessioni in scadenza – aggiunge Baldi -, per fare in modo che questa attività di conduzione degli orti, elemento di qualità e di cultura del nostro Comune, possa proseguire senza interruzioni. Sarà compito della futura amministrazione, poi, andare a definire le modalità di affidamento degli orti, dopo la scadenza contrattuale.”

DiPD Sesto Fiorentino

Messaggi per il PD di Sesto Fiorentino

All’Assemblea congressuale dell’8 febbraio 2016 abbiamo avuto il piacere di avere con noi tanti ospiti che sono intervenuti durante i lavori conclusivi del Congresso straordinario e l’insediamento dei nuovi organismi dirigenti del Pd di Sesto Fiorentino. Altri, non potendo essere presenti, hanno voluto ugualmente inviarci un loro saluto che abbiamo il piacere di pubblicare.

___________

Caro Lorenzo

Caro Alessandro

Cara Sara

poiché stasera non mi è possibile essere con voi all’Assemblea, vi mando il mio saluto affettuoso.

Voglio innanzitutto congratularmi con Alessandro per l’elezione a segretario comunale e per l’avvio di una fase di rilancio di un partito che, grazie all’ottimo lavoro svolto da Lorenzo in qualità di commissario, vede finalmente tornare all’opera i suoi organi costitutivi.

Sono certo che il PD di Sesto Fiorentino proseguirà sulla strada imboccata in questi mesi sin dall’inizio del processo di ricostruzione, un processo improntato all’apertura, al coinvolgimento di tutti i cittadini, ai valori fondanti della nostra comunità. Un processo che sono sicuro proseguirà anche nella prossima amministrazione comunale, quell’amministrazione che Sara ha portato avanti con tanto coraggio nell’anno in cui ha governato Sesto, prima che personalismi privi di ogni logica politica, se non quella di colpire il nostro partito, portassero alla sua sfiducia.

Qualcuno a luglio ha deciso di tradire la fiducia dei propri cittadini, di tradire la propria città, la propria gente e il nostro partito. Adesso serve ripartire con coraggio e decisione, consolidando un partito radicato nel territorio, aperto alla città e portatore allo stesso tempo di una visione di lungo periodo e di soluzioni concrete per il futuro di Sesto Fiorentino. Perché è il Partito Democratico l’unico partito in grado di assicurare ai cittadini di Sesto Fiorentino il futuro che si meritano.

Abbiamo davanti a noi la sfida delle elezioni amministrative, una sfida che, insieme a quella che stiamo affrontando quotidianamente al governo del Paese e in sede europea, ci chiede di continuare ad essere gli alfieri del cambiamento e della buona politica. E’ una sfida enorme, alla quale anche il Partito Democratico di Sesto può e deve dare il suo fondamentale e prezioso contributo.

Buon lavoro dunque, oggi è una bella giornata per il Partito Democratico, per Sesto Fiorentino e per la nostra comunità. In bocca al lupo per le sfide che insieme ci attendono.

Nicola Danti 

___________

Cari democratiche e democratici di Sesto Fiorentino,

oggi per voi, ma mi permetterei di dire per tutto il Partito Democratico è un giorno importante, è la conclusione di un percorso di grande lavoro svolto con intelligenza e determinazione.

Sono passati quasi sei mesi da quel triste 21 luglio quando le forze della conservazione che volevano impedire il cambiamento mantenendo un sistema di potere ormai passato, hanno provocato al cuore di Sesto Fiorentino una ferita tanto ingiusta e violenta quanto inutile e dannosa per i cittadini e per il Partito Democratico.

Del resto in questi giorni è emerso quello che tutti pensavano, dove fosse la regia e quale sia il loro scopo.

Io però voglio ringraziarvi tutti, uno per uno, per la tenacia, la caparbietà e l’attaccamento che avete messo nella ricostruzione di un partito che ha quasi raddoppiato gli iscritti.

Dalle fatiche e gli sforzi della Festa de L’Unità ad oggi in poco tempo avete restituito al Partito Democratico una Unione Comunale forte e vera, ma soprattutto avete restituito dignità e bellezza alla politica.

Adesso avanti tutta!

Io sarò sempre con voi perché vi stimo e per la grande fiducia reciproca.

L’amicizia e la lealtà non si dimenticano.

In bocca al lupo

Con affetto

David Ermini 

___________

Caro segretario e cari amici del Pd di Sesto Fiorentino

Mi spiace di non essere fisicamente con voi a causa di precedenti impegni istituzionali.

Voglio farvi sentire comunque la mia vicinanza in questa occasione di ripartenza in vista delle prossime elezioni amministrative.

Tutti sappiamo perché sarete chiamati a votare ancora, è bene cogliere questa occasione per rimarcare il grande lavoro di ricostruzione che è stato svolto in questi mesi. Adesso Sesto può contare su un Pd più forte e più coeso.

È stata decisiva la passione di tutti voi e di Sara Biagiotti che non ha indugiato a rimboccarsi le maniche e lavorare in prima linea a questo processo.

Sesto Fiorentino rappresenta un luogo centrale per le politiche metropolitane e regionali in generale.

Grazie a voi siamo sicuri che potremo contare su un’amministrazione affidabile e seria come da sempre nella tradizione di questo straordinario Comune.

Stefania Saccardi

___________

Caro Alessandro

Ho appena concluso i lavori della commissione Forteto con un sopralluogo in Mugello. Non posso essere presente alla Assemblea del Pd di Sesto come desideravo. Faccio a te ed a tutti i presenti i migliori auguri per un proficuo lavoro a favore della comunità di Sesto Fiorentino. Il compito che ci attende non é semplice, ma credo che se saremo capaci di costruire un progetto valido ed inclusivo i sestesi non ci faranno mancare la loro fiducia.

Ciao

Paolo Bambagioni

___________

Carissimo segretario, sono fuori Firenze e non potrò partecipare all’importante Assemblea di stasera! Mi dispiace molto! Auguro tutto il meglio possibile per il buon esito della stessa!! Saluti cari

Alessandro Martini

___________

Un augurio di buon lavoro dalla Cisl con l’auspicio che a Sesto il Pd sappia rappresentare una comunità che chiede buona amministrazione e attenzione ai bisogni della cittadinanza in particolare di coloro più esposti agli effetti della crisi.

In questo senso la collaborazione con le associazioni del territorio è una risorsa che speriamo sia utilizzata appieno

Giovanni Ronchi

___________

Alla C.A Segretario Partito Democratico
Sig. Alessandro Baldi

Con la presente mail, colgo l’occasione per esprimere il mio apprezzamento per il suo nuovo incarico e le auguro buon lavoro.
Come segretario ha un ruolo determinante nel portare avanti questo gruppo politico al quale si propongono sfide importanti.
Mi auguro che questo nuovo PD tenga conto di tutte le diverse sfumature che lo compongono senza primi della classe.
Un gruppo che sappia fare squadra al servizio della città di Sesto Fiorentino.
Il suo ruolo, Sig. Baldi, sarà importante per creare un partito che si basa sulla lealtà, sull’etica politica e soprattutto sull’ascolto.
La città ed il nostro Centro si aspettano molto dalla nuova classe politica, dal momento che ne hanno fatto le spese e hanno subito le conseguenze peraltro molto evidenti.
Mi sembra opportuno dire che ci aspettiamo un forte impegno e senso di responsabilità. Il nostro territorio è in attesa di ripartire ormai da troppo tempo e il declino a cui è andato incontro ha bisogno di essere risolto con urgenza.
Non vorrei stare ad elencare i rimedi fin troppo noti. Mi auspico, invece, di poter creare un rapporto stretto e continuativo ma soprattutto risolutivo.
Con l’occasione, porgo distinti saluti.

La Presidente – CCN Sesto sotto casa
Simonetta Terenzi

DiPD Sesto Fiorentino

Baldi: “Avvio di un percorso per la costruzione di una coalizione di centrosinistra per il governo di Sesto”

Prima Assemblea Pd Sesto. Alessandro Baldi: “Avvio di un percorso programmatico per la costruzione di una coalizione di centrosinistra per il governo di Sesto Fiorentino”

Ieri nel Salone del Circolo Arci Rinascita si è svolta l’assemblea del Congresso straordinario del Pd di Sesto Fiorentino facendo concludere il periodo di commissariamento del Partito guidato dall’On. Lorenzo Becattini al quale sono andati i ringraziamenti di tutto il Partito per il lavoro svolto in questi mesi.

“Prima di tutto vorrei ringraziare gli esponenti di altri partiti che sono intervenuti alla nostra assemblea: Maurizio Quercioli (Sesto Bene Comune), Jacopo Madau (SEL), Maria Tauriello (Forza Italia), Domenico Camardo (IDV), Nino di Matteo (Socialisti), Riccardo Baronti (Popolari per Sesto) e Fabrizio Muscas (Movimento Sesto 2014) – ha dichiarato il segretario del Pd sestese Alessandro Baldi – Sesto Fiorentino si merita un grande dibattito sul merito delle questioni tra le forze politiche. Un dibattito fatto di rispetto reciproco pur nella diversità di opinioni. Dobbiamo grande rispetto ai nostri cittadini e compito della politica è stare sui temi, sui problemi da risolvere e sulle scelte da indicare, discutiamo sulla visione della Sesto del futuro non sulle polemiche sterili di cortile. Un grazie anche alle categorie economiche e sindacali intervenute e alle quali la politica deve rapidità di risposte e soluzioni.”

Durante la serata molti gli interventi di esponenti del Partito Democratico tra cui: Rosa Anna Lombardo (Segretaria Pd Campi), Fausto Merlotti (Segretario Pd Scandicci), Gabriele Scalini (Segretario Pd Signa), Fabio Incatasciato (Segretario metropolitano di Firenze), Dario Parrini (Segretario regionale), Dario Nardella (Sindaco della Città metropolitana), Monia Monni (Consigliera Regionale) e Eugenio Giani (Presidente Consiglio Regionale). I saluti sono arrivati anche da parte di Nicola Danti (Parlamentare europeo), David Ermini (Deputato), Stefania Saccardi (Assessore regionale) e Paolo Bambagioni (Consigliere regionale).

“Il Pd stasera ha dimostrato grande compattezza e un grande sostegno da parte di tutti i livelli del partito a tutti noi in vista della campagna elettorale e delle elezioni amministrative di giugno 2016 – ha continuato Baldi – quella che è emersa da tutti gli interventi è una fortissima attenzione alla piana con un grande piano di investimenti in tutta l’area indirizzati alla riqualificazione e al miglioramento qualitativo della vita delle persone. Per citare un esempio basta pensare al grandissimo investimento sulla mobilità.”

Ieri è stato eletto Presidente dell’assemblea del Pd sestese Lorenzo Zambini, incarico affidato e approvato per la prima volta dai delegati dell’assemblea democratica.

“Alla giornata di oggi siamo arrivati grazie ad un percorso collettivo intrapreso in un momento molto complicato da parte di una grande comunità politica. Un impegno straordinario da parte di tutti fatto di entusiasmo e responsabilità – ha dichiarato Zambini – che ci ha portato ad avere una assemblea plurale e variegata. Il mio sarà un ruolo di massima garanzia nei confronti di tutte le opinioni con l’obiettivo di trovare una sintesi e un indirizzo politico chiaro.”

L’assemblea ha inoltre votato un ordine del giorno che avvia da oggi fino al 18 febbraio un lavoro di confronto e un percorso di condivisione programmatica con le altre forze politiche per la costruzione di una coalizione di governo di centrosinistra.

Sempre nella giornata di ieri il Segretario Baldi ha indicato i componenti della nuova segreteria: Claudia Pecchioli (Vice Segretaria), Gloria Conti, Michela Di Matteo, Sara Martini, Giulia Barducci, Andrea Santoni, Pietro Zecca, Matteo Boldrini, Alessio Bassi.

DiPD Sesto Fiorentino

Ordine del giorno – Assemblea Comunale PD – 8 febbraio 2016

ASSEMBLEA COMUNALE PD  – 8 FEBBRAIO 2016

ORDINE DEL GIORNO

IL PARTITO DEMOCRATICO SESTO FIORENTINO

Premesso

che ha vissuto sei mesi di commissariamento con grande senso di responsabilità e ha saputo coinvolgere tanti sestesi che si sono riavvicinati al Partito o che per la prima volta si sono iscritti;

che è ha profuso un grande impegno alla festa de L’Unità alle Cascine coinvolgendo oltre 100 volontari;

che con l’assemblea del 27 settembre è iniziata la campagna di tesseramento con un sorprendente risultato: 594 sono gli iscritti, il 50% in più rispetto al 2014;

che il PD di Sesto è il secondo partito dell’Unione metropolitana dopo la città di Firenze.

Visto

che al congresso tenutosi il 29/30 gennaio che ha rilevato un’affluenza molto elevata pari al 66% degli iscritti, è stato eletto segretario dell’Unione Comunale Alessandro Baldi con il 91,5% dei voti.

Considerato

che il congresso straordinario è da considerarsi fondativo del PD a Sesto Fiorentino, e che parte dalla necessità di aprire una stagione di forte cambiamento all’interno del partito per offrire alla città una forza politica solida, radicata sul territorio, aperta al confronto e al dialogo con tutti i soggetti portatori di interessi collettivi e con la città intera.

Considerato

che il lavoro portato avanti è frutto dell’impegno di tantissimi volontari e attivisti che credono nei valori del PD e che la centralità della politica, la stabilità e la governabilità del Comune, il rispetto per le Istituzioni pubbliche sono tratti fondamentali della nostra identità.

Considerato

che tanti sono i temi centrali nel dibattito politico, due in particolare, termovalorizzatore e aeroporto, sono cruciali per tutta la Regione e l’area metropolitana.

Ribadito

che il Partito Democratico di Sesto è pronto a stare in un confronto dialettico di discussione ampia con la Regione, la Città Metropolitana e gli altri Comuni con grande senso di responsabilità, ma anche con fermezza e grande autonomia.

Considerato

che le scelte, alcune risalenti a molti anni fa, devono essere sostenute da tutto il Partito, nelle sue espressioni nazionali, regionali e metropolitane, che deve supportare i territori in tutto il percorso attuativo.

Considerato

che il Partito Democratico di Sesto vuole essere protagonista e motore del buon governo della città attraverso una solida programmazione per i prossimi cinque-dieci anni. Che è necessario costruire basi programmatiche per la Sesto del futuro, attraverso una programmazione urbanistica mirata all’attrazione di investimenti produttivi di lavoro e ricchezza diffusa, alla ridefinizioni del piano delle funzioni per ridare slancio alla Città e per renderla sempre più attrattiva, accogliente, a misura di famiglie, sensibile alle difficoltà dei più deboli, degli emarginati, degli esclusi, che ha come obiettivo prioritario la riduzione delle disuguaglianze economiche e sociali.

Che strutture scolastiche efficienti e sostenibili e un welfare sempre più attento alle mutevoli necessità dovranno essere i cardini della impostazione di città solidale attenta ai bisogni del presente e proiettata alla realizzazione di una solida società futura, perché i giovani di oggi saranno i cittadini di domani.

Considerato

che lo strumento delle primarie è fondativo per il nostro partito e certamente risulta indicato per la scelta dei candidati a cariche istituzionali in quanto valorizza la partecipazione dei cittadini e insieme potenzia il consenso dei nostri candidati.

Il Partito Democratico di Sesto

esprime

al fine di concretizzare tutto questo, la necessità, prima di tutto, di realizzare un progetto di ricostruzione e di ripensamento del centrosinistra che non può che ripartire dal PD aperto a tutte le forze politiche che si riconoscono in valori comuni e condivisi.

Ribadisce

che il PD dovrà essere un laboratorio di idee, radicato sul territorio, aperto a tutti quei cittadini che si vogliono avvicinare portando il loro contributo.

Ribadisce

che lo scopo sia ricostruire il centrosinistra promuovendo un confronto che coinvolga tutte le forze d’ispirazione riformista e progressista presenti in città che guardano al futuro del nostro territorio inserito in un contesto metropolitano coeso.

Dispone

di avviare un lavoro di alleanze in particolare con quelle forze e liste che si ispirano alla partecipazione civica che non hanno mai abbracciato il populismo e il personalismo, , che fanno dei diritti e dei valori di cittadinanza uno strumento di coesione sociale per superare le contrapposizioni ideologiche.

Di cominciare da questi e da chi, ovviamente, ha già affiancato il PD nelle ultime elezioni comunali, per costruire alleanze di governo utili alla vittoria alle prossime elezioni amministrative.

Dispone

di avviare da oggi fino al 18 febbraio una fase di confronto con i soggetti con i quali costruire questo percorso di condivisione programmatica perché le scelte del futuro devono avere basi prospettiche, solide e condivise per garantire una stabile governabilità al nostro comune che in questo anno di commissariamento ha visto depotenziate le proprie capacità programmatorie e di incisività territoriale oltre a registrare un indebolimento assoluto della propria autodeterminazione.

DiPD Sesto Fiorentino

L’On. Lorenzo Becattini: il Centro di Meccanizzazione Postale di Sesto Fiorentino non può essere declassato

Presentazione di un’interrogazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed al Ministro dello Sviluppo Economico

“Il Centro di Meccanizzazione Postale di Sesto Fiorentino non può essere declassato a Centro Prioritario in quanto ciò causerebbe una drastica riduzione di personale e rilevanti ripercussioni sociali sul territorio” lo ha detto l’On. Lorenzo Becattini, deputato del PD, che ha presentato un’interrogazione al Ministero dell’Economia e delle Finanze ed al Ministro dello Sviluppo Economico.
“Il piano industriale di Poste Italiane – spiega l’Onorevole – prevede una riduzione dei Centri di Meccanizzazione Postale (CMP) presenti in Italia dagli attuali 16 a 10, riguardando anche il CMP di Sesto Fiorentino. Tuttavia bisogna considerare che questo sito, che occupa attualmente 650 persone (oltre un indotto occupazionale pari a 200 addetti, per un totale di 850 occupati), è in una posizione strategica dal punto di vista logistico: è infatti vicino ad opere infrastrutturali importanti come l’aeroporto, la ferrovia e l’autostrada ed è inoltre a poca distanza dal posto di Livorno, tra i più importanti snodi commerciali ed industriali della Toscana.”
“Inoltre – prosegue l’On. Becattini – il CMP di Sesto Fiorentino si trova nell’area industriale della Piana Fiorentina, tra le più importanti in Italia, ad alta densità di insediamenti infrastrutturali, industriali, commerciali e produttivi e da occupazione a circa 22.000 persone”.
“Ritengo opportuno – conclude l’Onorevole – che le Istituzioni intervengano per evitare il ridimensionamento del CMP di Sesto Fiorentino ed operino ad una riconversione del sito al fine di svilupparne le potenziali capacità logistiche, evitando in questo modo gravi danni all’occupazione e ad uno dei sistemi industriali più importanti del territorio”.